Tabella comparativa migliori prodotti

Migliori Modelli

I migliori modelli che abbiamo recensito per voi

Offerte del giorno

Sconti imperdibili e  offerte sui migliori prodotti che ogni giorno selezioniamo su Amazon

Ricerca Avanzata

Ricerca i prodotti per modello, marca, giudizio complessivo

Epilatore a luce pulsata: caratteristiche tecniche e funzionali. Guida all’acquisto

L’epilatore a luce pulsata è un apparecchio elettrico finalizzato alla rimozione dei peli attraverso un meccanismo che si basa sulla fototermolisi selettiva, ovvero sull’assorbimento del calore della luce che agisce a diverse lunghezze d’onda sul tessuto della pelle, in questo caso del pelo. Ogni giorno vengono sperimentati e messi in commercio dei prodotti per fotoepilazione dalle tecniche evolute, i quali consentono il trattamento e l’eliminazione dei peli superflui grazie all’utilizzo di nuove tecnologie altamente professionali dal funzionamento mirabilmente semplice e veloce.

Molte persone dopo svariati tentativi di depilazione decidono di affidarsi a un epilatore a luce pulsata per eliminare in modo pressoché definitivo i peli dal proprio corpo. Dopo diversi utilizzi, infatti, questo prodotto consente di ridurre e indebolire sempre di più i peli, fino al loro debellamento. Studi in laboratorio e test su diversi soggetti hanno dimostrato che già dopo quattro sedute è possibile vedere una notevole riduzione dei peli e del loro riformarsi. In seguito ad un trattamento di numerose sedute, invece, si arriverà a un periodo in cui, anche per diversi mesi, il pelo stenterà a ricrescere.

Alla categoria di prodotti fotoepilatori tecnologicamente avanzati appartengono proprio gli epilatori a luce pulsata. Questi, diversamente dalla classica ceretta, dal rasoio o da altri metodi di depilazione più comuni, consentono di eliminare il pelo rendendolo sempre più debole fino ad inibirne la ricrescita per un arco di tempo piuttosto lungo che può raggiungere anche i sei mesi. Per chiunque sia intenzionato ad acquistarlo, o semplicemente a approfondirne gli aspetti principali, è fondamentale conoscere le caratteristiche tecniche e di funzionamento di questo innovativo prodotto per la cura della persona.

Principio di funzionamento di un epilatore a luce pulsata

Tutti coloro che in genere sono abituati a depilare le proprie parti del corpo sanno bene che cosa significhi dover svolgere il trattamento di eliminazione dei peli ogni poche settimane o dopo soli pochi giorni. I metodi di depilazione più comuni, infatti, seppure tolgono i peli, tuttavia non mirano a impedirne la ricrescita. Diversamente, un epilatore a luce pulsata fa proprio questo. Il metodo di funzionamento di un apparecchio del genere è quello per cui si va ad agire proprio sul sul pelo, per bloccarne gradualmente la ricrescita per un periodo di tempo più o meno lungo.

Ma quale è il principio di funzionamento di un epilatore a luce pulsata?

Un epilatore a luce pulsata, proprio come specifica il nome, opera attraverso la luce ad alta intensità, e ad una certa lunghezza d’onda, che mira a bruciare il pelo alla radice. L’elemento sul quale la luce produce il suo effetto è la melanina che costituisce il pelo stesso. Quando il calore agisce sulla melanina, la quale non è altro che il pigmento che conferisce alla peluria il classico colore scuro, il pelo si disintegra, in poche parole si brucia, si scioglie.

In questo senso, durante il trattamento, la luce policromatica si trasforma in calore che va a surriscaldare e sfaldare le strutture che rigenerano il pelo, indebolendole progressivamente. La luce pulsata utilizza una sorgente luminosa ad ampio spettro le cui lunghezze d’onda hanno dei valori tali da riuscire a sfaldare le strutture costitutive del pelo. Questo aspetto è fondamentale in quanto il prodotto, impostato a dei valori massimi stabiliti da non superare, va ad agire esclusivamente sui peli senza intaccare le zone adiacenti, preservandole così dai danneggiamenti.

Lo scopo di un epilatore a luce pulsata è quello di assottigliare sempre di più il pelo nella sua formazione, per rallentarne la ricomparsa. Una ricrescita che diverrà progressivamente sempre più invisibile a occhio nudo. Come possiamo immaginare si tratta di un meccanismo professionale per eliminare i peli superflui che consente di non dover più ricorrere a continue cerette o altri metodi in cui i peli, al contrario, si irrobustiscono, proprio come accade nel caso della depilazione con il classico rasoio.

La fluenza luminosa

Come ogni apparecchio di nuova generazione, l’epilatore a luce pulsata dispone di qualità tecniche che funzionano secondo processi a tecnologia avanzata. Seppure ogni macchinario può differire da un altro per prestazioni, materiali di costruzione e tecnologie applicate, tuttavia vi sono delle caratteristiche fondamentali che ne permettono il funzionamento e ne garantiscono la riuscita del risultato finale. Certamente la caratteristica principale di cui si deve tenere conto quando si acquista un prodotto di questo tipo è la fluenza luminosa.

Quando si parla di fluenza luminosa in un epilatore a luce pulsata ci si sta riferendo al fascio di luce che agisce per impedire la ricrescita dei peli. In questo senso potremmo riferirci alla fluenza luminosa come alla potenza della luce, o dell’energia, che va a colpire la zona della pelle che si sta trattando con l’apparecchio. La potenza luminosa di un epilatore a luce pulsata si esprime in joule (J). Come si può dedurre, un epilatore più potente avrà un valore in joule più alto e questo è un fattore da tenere d’occhio quando si acquista il prodotto, per comprendere se sia adatto alla propria pelle.

In commercio esistono degli epilatori a luce pulsata con maggiore o minore fluenza luminosa, la quale determina precisamente la potenza con cui l’apparecchio agisce sui peli da debellare. Per gli epilatori pensati per un uso domestico vi sono dei limiti di intensità luminosa oltre i quali i prodotti non possono andare.

Il valore di fluenza di un macchinario fotoepilatorio per uso domestico va da un minimo di 2J a un massimo di 9J. A differenza di questi, invece, gli apparecchi professionali possono raggiungere anche un massimo di 26J ma solo ed esclusivamente se si tratta di epilatori a luce pulsata utilizzati presso dei centri specializzati e gestiti da personale competente.

Attenzione alla tipologia di pelle

Erroneamente si crede che basti passare l’epilatore sulla zona interessata per eliminare qualsiasi tipo di pelo e su qualunque genere di pelle. Non è così. È fondamentale essere a conoscenza del fatto che un epilatore a luce pulsata non è adatto a tutti i tipi di pelle né tanto meno a tutte le tipologie di pelo.

Come abbiamo detto, in quanto il macchinario agisce sulla melanina, sarà determinante il colore della pelle e dei peli per ottenere un risultato soddisfacente di depilazione completa, senza nessun rischio per la cute. Non necessariamente, dunque, un apparecchio a fluenza luminosa elevata può essere efficace per ogni tipologia di pelle. L’epilatore a luce pulsata ad esempio non è adatto ai peli bianchi o troppo chiari come quelli biondi o rossi, poiché la quantità di melanina su cui agisce è scarsa.

O ancora, su pelli scure bisogna fare attenzione a non utilizzare un epilatore con potenza troppo elevata in quanto una fluenza troppo alta può intaccare la pelle stessa. Per chi abbia una cute chiara e dei peli scuri, invece, sarà ottimo un epilatore a luce pulsata a potenza elevata, in quanto, in linea generale, si può stabilire che maggiore è la differenza di colore fra la pelle e il pelo e maggiore sarà l’efficacia dell’applicazione dell’apparecchio.

Se non si è sicuri circa la propria tipologia di pelle, è possibile orientarsi grazie alla tabella di Fitzpatrick che suddivide il colore cutaneo in base alla sua risposta ai raggi UV. Grazie a questa tabella che riportiamo di seguito possiamo capire meglio quale genere di epilatore può fare al caso nostro, ovvero se acquistarne uno con maggiore o minore fluenza luminosa in base al nostro colore cutaneo.

Tipo di pelle Reazione ai raggi UV
Pelle lattea Non si abbronza con esposizione sistematica ai raggi
Pelle chiara Abbronzatura lieve se esposta frequentemente ai raggi
Pelle beige A esposizione occasionle si abbronza leggermente
Pelle opaca Si abbronza con facilità anche a esposizione poco frequente
Pelle scura Si abbronza molto facilmente con rare esposizioni

Funzioni tecniche di un epilatore a luce pulsata

Dopo aver compreso quale sia il principio di funzionamento di un epilatore a luce pulsata possiamo soffermarci sulle funzioni specifiche comprese nelle prestazioni funzionali dell’apparecchio. Tra le funzioni principali che un epilatore a luce pulsata dovrebbe possedere posiamo elencare:

  • Modalità flash continuo e singolo
  • Sensori di sicurezza
  • Intensità luminosa
  • Filtri
  • Radiofrequenza

Il flash continuo e singolo

Quando parliamo del flash in un epilatore a luce pulsata ci riferiamo all’attivazione del macchinario nel momento in cui questo viene a contatto con la pelle. Tra i vari epilatori in commercio la maggior parte dei modelli consentono di scegliere l’opzione flash continuo o flash singolo. Nel caso del flash singolo il macchinario viene messo in funzione manualmente dall’utente per mezzo di un pulsante che ne consente l’attivazione. Diversamente, il flash continuo consente di non dover spingere di continuo il pulsante in quanto l’emissione di impulsi di luce avviene in maniera ripetuta, continua appunto.

L’utilità della possibilità di scelta nella tipologia di flash sta nel fatto che quello continuo può essere adatto a zone ampie in cui è più comodo non dover spegnere e riaccendere il macchinario. Diversamente il flash singolo è utile su piccole zone del corpo che richiedono maggiore minuziosità nel trattamento e che quindi hanno bisogno dell’attivazione manuale dell’apparecchio.

I sensori di sicurezza

Quando il flash viene messo in funzione, specie se si tratta di un flash continuo, può capitare che il fascio di luce possa incrociare la zona degli occhi o di altre parti del corpo. In questo senso i sensori di sicurezza sono molto importanti affinché questo non accada. Inoltre, i sensori sono specifici anche per riconoscere la tipologia di pelle che si sta trattando. É bene ricordare che i sensori non sono presenti in tutti gli epilatori a luce pulsata, quindi se si desidera acquistarne uno è importante fare caso se questi siano presenti o no.

Possono esservi due tipologie diverse di sensori in un epilatore a luce pulsata:

  • Sensori per la pelle
  • Sensori per la tonalità della pelle

I primi consentono di attivare o fermare il macchinario qualora questo fosse o meno in contatto con la pelle. In questo modo l’epilatore non emetterà impulsi luminosi fino a che non si trovi attaccato alla cute. Al contrario, nel momento in cui il macchinario viene avvicinato alla zona da epilare questo si mette automaticamente in funzione.

Particolarmente utili sono anche i sensori per il colore della pelle. Come abbiamo detto, infatti, non tutti gli epilatori possono essere usati su tutte le tipologie di pelle e, inoltre, le diverse zone del corpo sono caratterizzate da tonalità diverse di colore. In tal senso i sensori per la tonalità gestiscono automaticamente l’epilatore e rilevano il colore della cute durante il trattamento estetico di depilazione, adattando l’intensità della luce pulsata che viene emessa.

L’intensità luminosa e i filtri

Ogni tipologia di pelle necessita di un preciso trattamento di epilazione con luce pulsata. Per questo è fondamentale che ogni epilatore sia capace di poter gestire l’intensità luminosa che viene emessa e che andrà a colpire i peli e quindi anche la pelle. Ogni tipo di pelle, come abbiamo visto dalla tabella di Fitzpatrick ha bisogno di un trattamento specifico. I livelli di intensità di luce emessa in un epilatore sono variabili fra un valore di 3 a un massimo di 6.

Per quanto riguarda i filtri, proprio come quando ci si espone ai raggi solari, la pelle necessita di protezione contro tutti i raggi UV dannosi per la cute. Allo stesso modo, gli epilatori a luce pulsata sono dotati di filtri specifici che hanno la funzione di preservare la pelle da danneggiamenti dovuti ad una esposizione più o meno prolungata alla luce pulsata. Pertanto, i filtri vanno a proteggere la pelle fino a una lunghezza d’onda di 400 miliardesimi di metro.

L’utilità della radiofrequenza

Come abbiamo accennato, non tutte le tipologie di peli possono essere trattate con la luce pulsata. Diversi modelli di epilatori di questo tipo dispongono perciò di una tecnologia aggiuntiva per agire su tutti quei peli più chiari che sono difficili da debellare. Stiamo parlando della radiofrequenza la quale consente di eliminare il pelo agendo direttamente sul bulbo pilifero.

In questo senso l’epilatore non andrà a lavorare sulla melanina del pelo ma direttamente sulla radice, emettendo una superiore potenza luminosa di calore in grado di agire direttamente sul bulbo. Grazie a questa tecnologia integrata di alcuni epilatori, è possibile ampliare le funzioni del prodotto stesso, rendendolo efficace anche in tutti quei casi in cui si stiano trattando dei peli molto chiari. Può essere un buon consiglio per coloro che abbiamo peli bianchi, biondi o rossi, accertarsi che l’epilatore sia dotato, tra le altre funzioni, anche della radiofrequenza.

Cosa valutare per acquistare un epilatore a luce pulsata

Il primo fattore da considerare quando si decide di acquistare un epilatore a luce pulsata riguarda proprio le prestazioni della lampada da cui viene emesso l’impulso luminoso che consente la rimozione dei peli. La fluenza di luce, ovvero la potenza con cui l’impulso colpisce il pelo, è la prima cosa da valutare per scegliere l’apparecchio più adatto alla propria pelle. Oltre a ciò vi sono anche altri aspetti annessi, ugualmente importanti, che vanno tenuti d’occhio prima di acquistare questo prodotto. Si tratta di:

  • numero di impulsi emessi
  • spettro luminoso
  • superficie della lampada
  • materiali di costruzione del prodotto

Il numero di impulsi

Gli epilatori a luce pulsata lavorano su intermittenza di impulsi di luce che vanno a operare direttamente sulla zona del corpo da trattare. Ogni macchinario per epilazione dispone di un diverso numero di impulsi, ovvero di un differente numero di pulsazioni luminose.

Quando si decide di acquistare un epilatore a luce pulsata è sempre importante informarsi circa il numero totale di impulsi di fluenza luminosa che l’apparecchio sarà in grado di produrre. Ciò, infatti, determina la durata di utilizzo che si può fare del macchinario, ovvero l’arco di tempo che potremo utilizzare l’epilatore. Dopo questo periodo sarà necessario ricomprare l’apparecchio, oppure cambiare le lampade vecchie con delle nuove. Questo aspetto è importante e da tenere presente al momento dell’acquisto, soprattutto qualora si decidesse di condividere l’apparecchio con qualcun altro che farà uso del prodotto.

Pertanto, esistono due diverse tipologie di apparecchi a luce pulsata: quelli dotati di un numero fisso di impulsi di luce e quelli in cui è necessario sostituire le lampade una volta che gli impulsi si sono esauriti. Possiamo distinguere fra epilatori con:

  • Lampade non sostituibili
  • Lampade sostituibili

Per quanto riguarda le lampade non sostituibili, abbiamo a che fare con degli apparecchi a luce pulsata che dispongono di un numero fisso di impulsi luminosi che il macchinario può essere in grado di produrre. Il numero degli impulsi può oscillare tra i 60.000 e i 500.000 e conferiscono al macchinario una durata di circa 15 anni o più.

Un epilatore con un numero così alto di impulsi luminosi è molto adatto per trattare zone ampie del corpo con la certezza di avere fra le mani un apparecchio di cui potremo disporre per un arco di tempo molto lungo. Ovviamente, la durata può diminuire se non siamo i soli a fare utilizzo dell’epilatore e questo è un aspetto da valutare prima dell’acquisto.

Coloro che invece non intendono riacquistare tutto il macchinario ma sono disposti a sostituire le cartucce una volta che gli impulsi siano terminati, possono optare per l’epilatore a luce pulsata con le lampade sostituibili. Queste ultime hanno un numero di impulsi minore che va dai 700 ai 1000. Una volta terminati sarà necessario riacquistare una nuova lampada per poter riutilizzare il macchinario per il trattamento estetico di epilazione.

Lo spettro luminoso

Si sente sempre parlare di spettro luminoso quando si trattano gli epilatori a luce pulsata. Ma di cosa stiamo parlando esattamente?

Lo spettro luminoso riguarda precisamente il livelli di strati della pelle, ovvero la lunghezza d’onda e la profondità che la luce pulsata è in grado di raggiungere. In questo senso quando abbiamo a che fare con un epilatore a luce pulsata per uso domestico, lo spettro luminoso non deve superare i livelli stabiliti dalla legge. Secondo quanto specifica la normativa questi macchinari dovrebbero avere dei valori che non superano i 1100 miliardesimi di metro. Oltre questo valore stabilito, l’apparecchio potrebbe risultare dannoso per la pelle in quanto andrebbe a incidere su lunghezze d’onda più profonde.

Per questo motivo, quando si decide di acquistare un epilatore a luce pulsata per uso domestico si consiglia sempre di tenere a mente questo parametro di sicurezza per non incorrere in eventuali rischi che potrebbero mettere in pericolo i microtessuti della pelle esposti ai raggi luminosi. Ovviamente, i rischi inerenti alla luce emessa dagli impulsi sono attutiti dai filtri di cui ogni epilatore deve necessariamente essere dotato, ma è sempre importante stare attenti ai valori stabiliti per legge.

La superficie della lampada

Ogni epilatore a luce pulsata è dotato di una superficie della lampada più o meno ampia. La superficie della lampada non è altro che la porzione di spazio del macchinario entro il quale avviene il trattamento fotoepilatorio. L’ampiezza dello spazio dal quale vengono emessi gli impulsi può variare dai 2cm ai 7cm, e a tal proposito è possibile utilizzare degli adattatori capaci di ridurre o di ampliare il fascio di luce a seconda della zona da trattare. Questi ultimi molto spesso sono contenuti fra gli ulteriori accessori compresi nella confezione d’acquisto del prodotto.

Come possiamo immaginare una superficie più ridotta della lampada avrà bisogno di maggiori impulsi per depilare la zona, ma è molto adatta per trattamenti di precisione. Al contrario, una superficie più grande della lampada utilizza un numero minore di impulsi ed è adatta a zone più ampie. A riguardo è possibile consultare la seguente tabella, che indica, tra l’altro, tutte le parti del corpo che un epilatore può trattare.

Sperficie della lampada Zone del corpo
Superficie ampia – Petto
– Braccia
– Gambe
– Cosce
– Pancia
– Schiena
Superficie ridotta – Ascelle
– Viso
– Baffetti
– Inguine
– Collo
– Zone curve

Come possiamo vedere, tra i fattori certamente vantaggiosi di un epilatore a luce pulsata vi è quello per cui il macchinario può essere utilizzato in tutte le parti del corpo, anche in quelle maggiormente delicate.

Prima dell’acquisto di un epilatore a luce pulsata, tuttavia, è sempre consigliabile accertarsi che il prodotto sia adatto a trattare ogni zona del corpo se si desidera farne un uso molto specifico. Molti apparecchi, infatti, non sono pensati per essere utilizzati sul viso o su altre zone delicate. Pertanto, prima di procedere alla compera è sempre necessario sincerarsi che l’apparecchio sia adibito al tipo di utilizzo che se ne intende fare.

I materiali di costruzione

La professionalità di un epilatore a luce pulsata si può valutare anche dai materiali di costruzione con cui il macchinario è fabbricato. Questi sono fondamentali non solo per la robustezza e la resistenza del prodotto, ma anche per i fattori legati alla sicurezza circa l’esposizione della pelle al trattamento. Ogni epilatore a luce pulsata deve essere ottimo nei materiali sui seguenti aspetti

  • qualità della lampada
  • qualità dei filtri protettivi
  • meccanica di raffreddamento del macchinario

Specie se decidiamo di acquistare un epilatore che ha un numero fisso di impulsi luminosi e che quindi durerà per molti anni, è fondamentale che questo sia fabbricato con dei materiali di ottima qualità. Tra quelli che abbiamo elencato, gli elementi su cui è importante soffermarsi sono quelli che riguardano la sicurezza del macchinario, ovvero le lampade e i filtri.

Per quanto riguarda le lampade è necessario accertarsi che queste siano sempre costruite in vetro o in quarzo. Molti prodotti in commercio sono fatti con materiali alternativi che non assicurano assolutamente un trattamento professionale e sicuro come quello che invece sono in grado di garantire i materiali sopracitati. Pertanto, quando ci si appresta a comprare un epilatore a luce pulsata è fondamentale fare caso alla qualità e al materiale che costituisce le lampade da cui vengono emessi gli impulsi.

Lo stesso discorso vale per i filtri protettivi. Questi sono forse l’elemento più importante su cui fare molta attenzione. I filtri, infatti, sono adibiti alla sicurezza della pelle che il macchinario deve sempre poter garantire ad ogni trattamento. Essendo la cute esposta ai raggi della lampada è fondamentale che la pelle sia protetta adeguatamente per non assorbire tutte quelle onde negative che vengono emesse dall’epilatore. Purtroppo sul mercato vengono messi in circolazione dei prodotti a costi molto bassi che non sono creati con dei materiali adeguati alla tutela della pelle. In questo senso è sempre consigliato fare molta attenzione alla qualità del prodotto che intendiamo acquistare.

Tipologie di epilatori a luce pulsata e fasce di prezzo

Seppure molti conoscono gli epilatori a luce pulsata dopo averli visti in vendita presso i negozi specifici, o di elettrodomestici, non tutti ne conoscono le caratteristiche estetiche e tecniche che ne determinano anche il funzionamento e le prestazioni. Da questi aspetti è possibile farsi un’idea anche dei prezzi di questi macchinari e delle opzioni che sono in grado di offrire.

Ci sono diverse tipologie di epilatori a luce pulsata per uso domestico, le quali corrispondono anche a una fascia economica specifica. Tra le tipologie più frequenti in commercio si possono trovare epilatori:

  • a rasoio
  • a pistola
  • con base

Epilatori a rasoio

Questa tipologia di epilatore ha una forma simile a quella di un mouse ed è estremamente maneggevole e facile da utilizzare. Si presenta esteticamente molto simile a un classico rasoio e presenta le aree adibite alla depilazione in misure ridotte rispetto agli altri epilatori. Per questo motivo questa tipologia di prodotto è piuttosto adatta alle zone piccole del corpo che necessitano di un trattamento millimetrico e di precisione.

Solitamente questi macchinari funzionano a corrente e sono dotati di un numero di impulsi fissi e con pochi accessori in dotazione nella scatola d’acquisto. Sono macchinari forniti delle caratteristiche principali di funzionamento che ne fanno un prodotto di buona qualità e dal risultato assicurato. Il prezzo di questa tipologia di epilatore è variabile a seconda della professionalità del prodotto e delle funzioni consentite.

Epilatori a pistola

Con gli epilatori a pistola si va verso una fascia di prezzo leggermente più alta, chiaramente sempre a seconda della tipologia e del modello. Si tratta di macchinari costruiti con ottimi materiali e dotati di numerose opzioni che consentono di modificare il macchinario a seconda della tipologia di trattamento che si desidera effettuare.

In questo senso gli epilatori a pistola sono caratterizzati da finestre di applicazione intercambiabili, più o meno ampie. In questo modo è sempre possibile sostituire il tipo di finestra dalla quale vengono emessi gli impulsi di luce, a seconda della zona che si intende trattare e della sua ampiezza. Tra i diversi modelli in commercio, questi epilatori permettono di regolare tanto l’intermittenza dell’impulso luminoso quanto l’intensità di luce pulsata che viene emesso.

Epilatore con base

Infine, in commercio è possibile trovare la tipologia di epilatore a luce pulsata con la base: un modello forse più costoso e professionale nelle prestazioni. Di questo genere si possono trovare sia gli epilatori finalizzati all’uso domestico sia quelli più professionali, specifici per i laboratori estetici. Questi ultimi avranno sicuramente anche delle dimensioni maggiori.

Un epilatore di questo tipo è contenuto e legato a una base a funzionamento elettrico, la quale ricarica continuamente il macchinario rendendolo pronto all’uso. Attraverso la base è possibile impostare le varie opzioni del macchinario per gestirne le diverse funzioni a seconda del trattamento specifico che si intende effettuare. Certamente, date le dimensioni, non si tratta di una tipologia di apparecchio portatile.

L’epilatore con base è un prodotto molto resistente e spesso è dotato di lampade sostituibili per non dover riacquistare tutto il macchinario una volta esauriti gli impulsi di luce. In questo modo ogni volta che le cartucce finiscono è possibile acquistarne di nuove e continuare a utilizzare sempre lo stesso apparecchio. Per quanto riguarda la superficie di applicazione che emette le pulsazioni luminose, in questi apparecchi è più ampia rispetto a quella degli altri epilatori. É possibile, dunque, montare e smontare degli adattatori che possano ridurre o ingrandire la zona, in modo da poter trattare diversamente le varie zone del corpo che si intendono depilare.

Nonostante non sia possibile stabilire delle fasce di prezzo fisse per ogni tipologia di macchinario, in quanto il costo può variare a seconda del modello e del tipo di epilatore a luce pulsata, si può prendere in considerazione la seguente tabella orientativa.

Tipologia di epilatore a luce pulsata Prezzo
Epilatore a rasoio Da 80 euro a 250 euro (o poco più a seconda del modello)
Epilatore a pistola Da 100 euro a 400 (o poco più a seconda del modello)
Epilatore con base Da 100 euro a 600 (o poco più a seconda del modello)

Come utilizzare un epilatore a luce pulsata

Come abbiamo detto un epilatore a luce pulsata mira alla bruciatura del pelo per impedirne l’attività di ricrescita. Ciò significa che un epilatore di questo tipo non “taglia” o “sradica” il pelo come i classici metodi depilatori ma, similmente all’epilazione con il laser, agisce sfaldando i peli nel loro processo di rigenerazione. Questo fattore come è facile immaginare, determina anche una diversa utilizzabilità del prodotto.

Come prima cosa, dunque, prima di procedere con la rimozione attraverso l’epilatore a luce pulsata, è necessario svolgere una depilazione preliminare della zona sulla quale si intende inibire la ricrescita dei peli. La depilazione preliminare può essere fatta con la classica ceretta o con il rasoio, purché il pelo sia ridotto a una lunghezza idonea al trattamento fotoepilatorio. Dopodiché sarà possibile passare il macchinario a luce pulsata proprio sui punti in cui si intende “sciogliere” il pelo e impedire a quest’ultimo di rinforzarsi e ricrescere.

Per assicurare il ritardo della ricrescita dei peli è necessario passare l’apparecchio sulle zone desiderate secondo periodi di tempo stabiliti. Ciò significa che all’inizio del trattamento, per il mantenimento della depilazione sulla zona interessata, si deve utilizzare l’epilatore ogni due settimane. Mano a mano si arriverà ad un trattamento di ritocco ogni quattro settimane circa.

admin

Prodotti più recensiti

Migliori prodotti recensiti

Prodotti in Offerta

7072 7427 7039 7286 6671 6737 7297 7304 7328 6633
Back to top
Epilatori luce pulsata